fbpx

Le Marche secondo Lonely Planet

Da pochi giorni la regione Marche (unica rappresentante dell’Italia nella classifica) è stata inserita nelle migliori mete (Top ten regions) da visitare nel Best in Travel 2020 della Lonely Planet.

 

Lonely Planet Best in Travel 2020

 

Dal mare, alle colline fino ad arrivare alle vette più alte dei Monti Sibillini, questo territorio non finisce mai di stupire.

Per gli amanti del mare si parte da sud con San Benedetto del Tronto col suo lungo mare ricco di palme ed una bellissima pista ciclabile, per salire sempre più a nord e trovare il meraviglioso borgo di Torre di Palme, poi Civitanova, il Conero con le sue spiagge selvagge incastonate nel parco naturale…fino a Fano e poi Pesaro (città natale di Rossini) ai confini con la riviera romagnola.

Gli appassionati di montagna potranno, invece, dare sfogo a tutta la loro voglia di natura, neve e paesaggi per certi versi lunari immergendosi nel Parco dei Monti Sibillini. 

Il Vettore, il Monte Sibilla e il lago di Pilato sono le star indiscusse, ma per chi ha gambe buone e curiosità questa è una zona delle Marche che saprà regalare grandi soddisfazioni

Incastonato tra la placida costa adriatica e le montagne dell’entroterra c’è un mondo fatto di morbide colline dai mille colori, dove è la cosa più normale del mondo imbattersi in cittadine o borghi fermi nel tempo. 

 

 

Urbino con il suo famigerato palazzo ducale forse è la meta più conosciuta, e proprio qui nel 2020 saranno celebrati i 500 anni dalla morte di uno dei più grandi pittori del Rinascimento, Raffaello Sanzio.

Non da meno sono i 23 “Borghi più belli d’Italia” sparsi su tutto il territorio tra i quali a mio avviso spiccano Serra San Quirico, Corinaldo, Mondavio, e Genga per nominare quelli più vicini alla nostra struttura.

Innumerevoli sono le tipicità di cui si può fregiare l’enogastronomia delle Marche. Per chi è ghiotto di fritto, Ascoli Piceno è sicuramente la capitale del mondo e la sua Oliva all’Ascolana è qualcosa di indimenticabile; Acqualagna, invece, è la patria del tartufo che nulla ha da invidiare a quello dei cugini piemontesi; Fabriano la fa da padrone col suo salame I.G.P di squisita carne suina mista a lardelli (pezzettoni di lardo scelto).

 

olive ascolane fritto

 

Un discorso a parte va fatto per il vino. Vitigni autoctoni danno vita a nettari d’uva bianchi e rossi degni di nota, con caratteri inconfondibili e dai profumi inebrianti. Il Verdicchio dei Castelli di Jesi e quello dei Castelli di Matelica hanno avuto negli ultimi anni il riconoscimento che meritavano, mentre sul fronte del rosso la Lacrima di Morro continua ad ammaliare gli appassionati con le sue caratteristiche uniche.

Arte, cultura, enogastronomia, religione e bellezze naturalistiche fanno delle Marche un mix perfetto e la rendono una meta visitabile in ogni periodo dell’anno, perfetta per trascorrere le proprie vacanze.

Veniteci a trovare, fatevi coccolare dalla nostra cucina e cercheremo di darvi più informazioni possibili per gustare a pieno tutto ciò che ha da offrire questa regione ancora poco conosciuta.

 

 

#agriturismo #Martelletto #lonelyplanet #bestintravel2020 #viaggi #vacanze #bedandbreakfast #frasassi #Conero #Pesaro #Rossini #Fano #vino #verdicchio #cibo #tartufo #Urbino #Raffaello #Sibillini #palazzoducale #mare #montagna #Civitanova #destinazionemarche #visitmarche #farmstay #marche #italia #enogastronomia #cultura #acqualagna #olivaascolana #fritto #igp #igers #borghi

Condividi:

Start typing and press Enter to search

Il gheppio the hawk FrasassiBasilica di Loreto Santa Casa di Nazaret